Santuario di Maria Santissima del Canneto

Santuario di Maria Santissima del Canneto

Contatti

Parrocchia di pertinenza
Telefono

Sacerdoti

Informazioni sulla Chiesa

Notizie storiche
sec. XV ‐ 1706 (costruzione carattere generale)
Alla fine del sec. XV esisteva già una chiesa dedicata a S.Maria del Canneto, che sembra sia andata distrutta durante l'occupazione francese e ricostruita intorno al 1506. Alla fine del sec. XVII fu abbattuta e ricostruita sul modello della Cattedrale. Nel 1706 fu completata con la controsoffittatura in legno a lacunari.

1714 ‐ 1865 (restauri e rifacimenti carattere generale)
Già nel 1714 aveva bisogno di interventi di consolidamento, che furono effettuati dal vescovo Filomarini. Nel 1758 un ulteriore intervento del Decurionato della Città permise di effettuare riparazioni e consolidamenti, essendo la chiesa esposta ai marosi. Altri interventi furono effettuati tra il 1850 e il 1865.

1914 ‐ 2012 (restauri e rifacimenti carattere generale)
Nel 1914 vi fu eretta la Parrocchia, che è sopravvissuta fino al 2009, quando è stata soppressa. Nel 1933 furono necessari interventi di consolidamento, che furono accompagnati da notevoli rifacimenti, che mutarono in parte l'aspetto della chiesa. Gli ultimi lavori di restauro conservativo sono stati effettuati nel 2012.
Descrizione
La chiesa, di dimensioni modeste, è collocata in prossimità del mare nel porto di Gallipoli. E' costruita in pietra tufacea locale, in parte a faccia vista e in parte rivestita di intonaco. La pianta è a tre navate. Ha un campanile a torre sul fianco sinistro.

Facciata
La facciata è suddivisa in due ordini. Quello inferiore comprende i tre portali, corrispondenti alle tre navate interne. Il portale centrale è più imponente degli altri due, ma tutti e tre sono inquadrati da cornici sormontate da una mensola aggettante. Davanti all'ordine inferiore vi è un pronao che presenta frontalmente tre arcate a tutto sesto e lateralmente due, una per lato; tra le arcate vi sono dei pilastri con paraste sormontate da capitello corinzio, mentre a coronamento vi è un cornicione aggettante, modellato sull'intercalare di archi e paraste. Il pronao è coperto con volta a spigolo. L'ordine superiore, allineato alla facciata e non al pronao, si eleva unicamente in corrispondenza della navata centrale della chiesa. E' definito da due paraste, tagliate a tre quarti da una cornice orizzontale che prende l'intera larghezza della facciata, e dal cornicione sommitale a due spioventi a modo di capanna. Nel triangolo che si forma tra il cornicione e la cornice orizzontale vi è al centro un tondo incorniciato con due cornici a triangolo che lo affiancano. Al di sotto della cornice orizzontale si apre un finestrone rettangolare con cornice. L'aspetto dell'insieme dell'ordine superiore fa pensare che sia stato costruito in tempi più recenti. Davanti alla chiesa si apre una grande piazza che costeggia il mare.

Interno
L'interno è a pianta basilicale, imitazione in scala della Concattedrale di Sant'Agata. Le due navate laterali, più basse, sono coperte con volte a spigolo cordonate. Sono separate dalla navata centrale da una serie di colonne su entrambi i lati, sorreggenti archi a tutto sesto, al di sopra dei quali corre una cornicione con metope, su cui sono appoggiati i muri finestrati che rendono più elevato il copro centrale. La copertura è in legno a capriate e tegole, con sottotetto a lacunari in legno indorato. La navata centrale termina in un'abside quadrangolare, coperta con capriate in legno e tegole e sottotetto a lacunari, in cui è ospitato il presbiterio. Accanto all'abside vi sono due ambienti simmetrici a modo di cappelle laterali, che comunicano unicamente con l'abside.

Orari SS. Messe feriali

Orario
20.00

Orario SS. Messe prefestive

Orario
20.00

Orario SS. Messe festive

Orario
9.30 - 20.00

Mappa